//Differenza tra castagne e marroni

Conosci la differenza tra castagne e marroni?

Ho sempre pensato che la differenza tra “castagna” e “marrone” è che siano sinonimi, ma non è proprio così….

La castagna è il frutto dell’albero selvatico mentre il marrone è quello della pianta coltivata e modificata con innesti che si svolgono nella coltivazione.

Nel riccio della castagna si possono recuperare da 1 a 7 frutti, mentre in quello del marrone da 1 a 3.

Le castagne sono di dimensione più piccola, hanno la buccia bruno scura, schiacciate da un lato e tondeggianti dall’altro.

I marroni hanno una dimensione più grande e un sapore  più dolce, ricordano la forma di un cuore e hanno la buccia più chiara e striata.

Le castagne vengono poi dette “settate” perché l’episperma, la pellicina che ricopre il frutto, è spessa e penetra con facilità dividendolo il seme in più parti.

Nei marroni questo accade raramente ed è per questo che li rende più facili di sbucciare.

Sia le castagne che i marroni contengono una grande quantità di carboidrati; durante la cottura l’amido si trasforma in zuccheri semplici conferendole un sapore dolciastro e rendendole poco adatte a chi soffre di diabete.

Sono anche ricchi di acqua, sali minerali, vitamine e proteine che li rendono ideali per chi pratica sport.

Castagne e marroni si consumano arrostiti o bolliti, ma se ne ricavano anche creme e marmellate oltre che un’ottima farina con cui si possono preparare torte, crepes, polenta e castagnaccio.

I marroni sono inoltre utilizzati per la preparazione dei marron glacés.

L’acqua di bollitura è invece un ottimo fertilizzante per le piante mentre l’infuso di foglie è consigliato come rimedio per le infiammazioni di gola.

2018-05-08T16:40:53+00:00 By |0 Comments

About the Author:

Leave A Comment