ekoe-stoviglie-monouso

Dove si buttano le stoviglie compostabili

A cura di Michele Dona

Tempo di lettura circa 2 minuti

Quanti di voi si sono chiesti con le stoviglie monouso biodegradabili in mano: “e ora queste dove li butto?”.

Non siete i soli.

L’introduzione delle bioplastiche e dei polimeri di origine organica nel mercato al consumo ha creato non poche perplessità di fronte ai bidoni dei rifiuti.

Non dovete sentirvi in imbarazzo perché non avete colpe, anzi avete il merito di porvi delle premurose domande.

La confusione del “dove lo butto?”

Stiamo vivendo un momento storico importante che ci porterà, speriamo, ad eliminare il più possibile l’uso della plastica di origine fossile (petrolio) e, come è consuetudine, nei periodi di transizione le informazioni si confondono causando disordine.

Nella ricetta della confusione del “dove lo butto?” ci sono 500 gr di logiche di marketing, 1 Kg di greenwashing da parte dei grandi brand, una manciata (abbondante) di comunicazioni da parte delle lobby del petrolio e un pizzico di leggerezza da parte dei comuni e società di raccolta dei rifiuti.

Cerchiamo di fare chiarezza:

  • Prodotti e packaging compostabile: vanno nell’umido
  • Prodotti e packaging biodegradabile: vanno nell’indifferenziato (salvo diversa indicazione)

Il nocciolo della questione sta nella differenza tra compostabile e biodegradabile.

Perché i prodotti compostabili vanno nell’umido?

Stoviglie e packaging compostabili possono essere gettati nell’umido perché diventeranno utile compost nell’arco di pochi giorni.

Questi prodotti sono certificati UNI En 13432 e presentano questi simboli.

Non fatevi ingannare da generici simboli come foglioline verdi che spesso si vedono applicati a prodotti biodegradabili e, anche, a confezioni di plastica tradizionale con la dicitura “riciclabile” (se qualcuno dovesse inventare la plastica fossile non riciclabile avrebbe di certo la nomination come cattivo dell’anno).

Perché packaging e prodotti biodegradabili non vanno nell’umido?

Non tutti le stoviglie e gli imballi di bioplastica sono compostabili ma solamente biodegradabili (si dovrebbero decomporre in meno di sei mesi).

Questi prodotti hanno il pregio di non essere realizzati con plastiche di origine fossile ma non possono essere gettati nell’umido perché il loro processo per diventare compost è diverso da quello dei normali rifiuti organici.

Gli impianti per la lavorazione del compost non riescono a processare queste bioplastiche biodegradabili e rischiano di essere danneggiati dagli accumuli di questi materiali.

Per questa ragione le stoviglie e il packaging biodegradabile devono essere gettati nel rifiuto indifferenziato.

Speriamo di aver fatto chiarezza sul problema.

Buon compost a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

magnifiercrosschevron-downtext-align-left
Carrello della spesa
Apri la chat
Benvenuto in Ekoe, ci siamo tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 ma non di sabato e di domenica ma soprattutto nessun robot che risponde, come possiamo aiutarti?
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram