logo ekoe stoviglie biodegradabili

Come fare un catering sostenibile? (Mini-guida pratica)

A cura di Marte

Tempo di lettura circa 3 minuti

catering ecosostenibile
catering ecosostenibile

Le nuove sfide del banqueting ecologico

Organizzare un evento sostenibile non è certo un gioco da ragazzi.

L’estate ha portato con sé, oltre all’impennata delle temperature e al numero dei vaccinati in salita, una forte voglia di tornare a fare quel che si faceva prima, probabilmente con ancora più foga.

Tutto il settore del management di eventi si ritroverà a gestire una serie di nuovi fattori concomitanti, primi fra tutti la direttiva SUP e una prassi igienica che, dagli inizi del 2020, è sicuramente più stringente rispetto al passato.

In questo lento passaggio, forse nemmeno totale, dal virtuale al reale, i matrimoni via Zoom e le birre con gli amici su Houseparty si fanno un poco più lontani e sbiaditi e tornano le esigenze dell’offline: eventi celebrativi, fiere, conferenze scientifiche o incontri di formazione, festival, eventi sportivi e tutto quel carosello di feste private che vanno da battesimi, feste di laurea, matrimoni e feste di compleanno.

L’organizzazione di eventi e buffet sostenibili che riescano non solo a intrattenere i partecipanti e a offrire delle soluzioni di catering e banqueting ecologici qualitativamente godibili, ma che siano anche il meno impattanti possibile, passa per diversi step. 

Tenendo a mente l’ISO 20121, lo standard internazionale volontario per il management di eventi sostenibili, proviamo a costruire insieme una cornice in cui contestualizzare i banchetti sostenibili e realizzare un event management che riflette le cose in cui crediamo, prima fra tutte la convivenza pacifica con l’ambiente con cui interagiamo.

catering sostenibile guida pratica
catering sostenibile guida pratica

Il catering ecocompatibile è possibile. Ma perché realizzarlo?

Offrire la possibilità di prender parte a un evento in cui menù, offerta culinaria, drink e tutto quel che c’è dietro il servizio finale combaciano con un’idea di catering sostenibile è l’unica strada che valga la pena seguire nel 2021.

Perché?

  • L’uso razionale dei prodotti aiuta a ridurre i costi globali: la chiave è il riutilizzo e, quando questo non è possibile, il ricorso a posate ecologiche e stoviglie sostenibili che, spesso, si prestano a essere utilizzate anche più di una volta. 

Esiste una vasta gamma di bicchieri durevoli, brocche e caraffe in tritan utilizzabili quando il contesto del servizio catering, in food village o punti ristoro di eventi che non permettono l’uso del vetro, deve rispondere a degli standard di sicurezza maggiori.  

  • Pubblicizzare il proprio impegno: l’effetto domino è facile da innescare. 

Se anche il tuo servizio catering e di banqueting per eventi sostenibili punterà alla stagionalità delle portate offerte e all’uso di tovaglioli compostabili certificati Ecolabel, spiedini e stecchini di legno ecologici per il finger food, così come vassoi in foglia di palma utilizzabili più di una volta, il messaggio trasmesso ai partecipanti sarà quello di un’idea aziendale organica, inserita in un’ottica di basso impatto della propria attività.  

  • Aumentare l’appeal dei propri servizi. Ne gioverà la brand image e avrà inizio anche un passaparola in cui i buffet sostenibili, business lunch ed eventi corporate o feste private green saranno riconoscibili perché proposti in maniera tailor made. Sarà bello legare il nome del banqueting e del catering sostenibile a un piatto particolare realizzato esclusivamente con prodotti locali e servito con coppette finger food sostenibili.

L’dea di un catering sostenibile trova corpo anche nella possibilità di adoperarsi con un servizio di smaltimento dei rifiuti creati durante l’evento, segnalando i punti di raccolta in maniera chiara e pensando all’utilizzo di una compostiera per gli eventi, dove smaltire l’organico e tutto il monouso compostabile. 

catering sostenibile e ecocompatibile
catering sostenibile e ecocompatibile

Qual è, quindi, il vademecum per il management di catering a basso impatto?

  1. Go seasonal

 Scegli prodotti stagionali, preferibilmente acquistati da produttori della zona e non provenienti da colture intensive

  1. Dona gli sprechi di cibo

Mense, Caritas e situazioni di difficoltà sono ovunque. Invece di buttare la melanzana ammaccata o quel che è avanzato dell’insalata di farro, cercate di reimpiegarli donandoli a chi ne ha bisogno e organizzando dei pranzi sociali. 

  1. Stampa il meno possibile

Stampare volantini, locandine e menù in eccesso non è necessario (e ha un costo evitabile!). 

  1. Riutilizza e, se non è possibile, buttati nel variegato mondo del compostabile! 

Di soluzioni ce ne sono a centinaia, basta solo scegliere. 

  1. Comincia a compostare!

Le macchine per il compostaggio sono una realtà. Nell'ottica di un'economia circolare gli scarti trovano una nuova vita e rientrano, in un ciclo infinito, nel processo produttivo. 

  1. Sii chiaro con i clienti

Fornite in maniera chiara tutte le informazioni relative ai punti di smaltimento, all'origine dei prodotti e alle scelte della propria attività. 

Essere diretti ripaga sempre. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

magnifiercrosschevron-downtext-align-left
Carrello della spesa
Apri la chat
Benvenuto in Ekoe, ci siamo tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 ma non di sabato e di domenica ma soprattutto nessun robot che risponde, come possiamo aiutarti?
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram