ekoe-stoviglie-monouso

Inquinamento degli oceani e loro acidificazione

A cura di Maria Bazzani

  • Quando l'anidride carbonica (CO2) si dissolve nell'acqua di mare, forma acido carbonico, diminuendo il pH dell'oceano, un processo noto collettivamente come acidificazione dell'oceano, collegato all'inquinamento degli oceani.
  • L' attuale acidificazione degli oceani avviene circa dieci volte più velocemente di quanto avvenuto negli ultimi 300 milioni di anni, mettendo a repentaglio la capacità dei sistemi oceanici di adattarsi ai cambiamenti nella chimica delle acque dovuta alla CO2.
  • L'acidificazione degli oceani ha il potenziale per cambiare gli ecosistemi marini e avere un impatto su molti dei benefici che gli oceani hanno per la società, come la protezione delle coste, l'essere fonte di reddito o per la fornitura di cibo.
  • L'aumento delle temperature oceaniche e la perdita di ossigeno agiscono in concomitanza con l'acidificazione degli oceani e costituiscono il "trio mortale" delle pressioni del cambiamento climatico sull'ambiente marino.
  • Per combattere gli effetti peggiori del trio mortale, le emissioni di CO2 devono essere ridotte in modo significativo e direttamente all'origine, riducendo in tal modo anche l'inquinamento degli oceani.
  • È necessario agire con urgenza per garantire una gestione sostenibile, la conservazione, il ripristino e una protezione forte e durevole di almeno il 30% degli oceani.
acidificazione degli oceani, un problema da non sottovalutare
Acidificazione degli oceani, un problema da non sottovalutare

Qual è il problema?

Se pensi che l'acidificazione sia un problema digestivo, forse non conosci gli studi sull'acidificazione degli oceani conseguenti anche all'inquinamento degli oceani.

L'acidificazione degli oceani è una diretta conseguenza dell'aumento delle concentrazioni di anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera indotte dall'uomo. Quindi anche dell'inquinamento degli oceani.

L'oceano assorbe oltre il 25% di tutte le emissioni antropiche dall'atmosfera ogni anno. 

Quando la CO2 si dissolve nell'acqua di mare, forma acido carbonico, diminuendo così il pH dell'oceano.

Tutto ciò porta a una serie di cambiamenti noti collettivamente come acidificazione dell'oceano. 

L'acidificazione degli oceani sta avvenendo parallelamente ad altri fattori di stress legati al clima, tra cui il riscaldamento e la deossigenazione dei mari. 

Questo completa l'insieme delle pressioni del cambiamento climatico sull'ambiente marino: calore, acidità e perdita di ossigeno sono spesso indicati come il "trio mortale". 

L'interazione tra questi fattori di stress è spesso cumulativa o addirittura moltiplicativa, comportando effetti combinati più gravi della somma dei loro impatti individuali sull'inquinamento degli oceani.

trio mortale:acidità, calore e perdita di ossigeno
Il trio mortale: acidità, calore e perdita di ossigeno

Perché è importante conoscere il problema dell'acidificazione degli oceani?

L'attuale cambiamento dell'acidità degli oceani è di una portata senza precedenti, e si verifica a una velocità circa dieci volte superiore a quanto si è verificato negli ultimi 300 milioni di anni. 

Questa rapida sequenza temporale sta mettendo a repentaglio la capacità dei sistemi oceanici di adattarsi ai cambiamenti della CO2, un processo che si verifica naturalmente nel corso dei millenni. 

Ma negli ultimi anni, l'inquinamento degli oceani è aumentato in maniera esponenziale e con esso l'acidificazione.

I cambiamenti nei livelli di pH degli oceani persisteranno finché le concentrazioni di CO2 atmosferica continueranno ad aumentare e non si ridurrà la pressione dovuta all'inquinamento degli oceani. 

Spesso tendiamo a considerare i problemi singolarmente, ma bisogna iniziare ad avere una visione d'insieme.

L'inquinamento degli oceani influenza notevolmente queste difficoltà di reazione della natura.

Per evitare danni significativi, le concentrazioni atmosferiche di CO2 devono tornare almeno nell'intervallo 320-350 ppm di CO2 nell'atmosfera.

Rispetto ad altri eventi simili nella storia della Terra, l'acidificazione degli oceani, nel corso di centinaia di anni, è avvenuta molto velocemente. 

Tuttavia, il suo recupero è molto lento a causa dei ritardi intrinseci nei cicli del carbonio e degli oceani. 

velocità di acidificazione degli oceani
La velocità di acidificazione degli oceani ha raggiunto il record

Conseguenze dell'acidificazione degli oceani

L'acidificazione degli oceani ha il potenziale per cambiare gli ecosistemi marini e avere un impatto su molti benefici legati agli oceani per la società.

Tra questi, l'acidificazione delle acque oceaniche può causare problemi per la protezione delle coste.

Ma può influire negativamente anche sulla fornitura di cibo e di conseguenza comportare un minore reddito per coloro che vivono di questa attività. 

Si tratta di un problema sempre più sentito anche per via dell'inquinamento degli oceani che già sta causando notevoli problemi per il settore della pesca e del turismo.

Sebbene sia necessaria una maggiore conoscenza degli impatti dell'acidificazione degli oceani sulla vita marina, già allo stato attuale delle conoscenze si possono estrapolare i cambiamenti che comporta in molti ecosistemi e di conseguenza nei settori produttivi a essi collegati. 

Ma andiamo a vedere in dettaglio.

Alcune delle prove più evidenti dei potenziali effetti dell'acidificazione degli oceani sugli ecosistemi marini derivano da esperimenti sugli organismi calcificanti.

È stato dimostrato che l'aumento dell'acidità dell'acqua di mare influisce sulla formazione e sulla dissoluzione dei gusci e degli scheletri di carbonato di calcio in una serie di specie marine, inclusi coralli, molluschi come ostriche e cozze e molte specie di fitoplancton e zooplancton che costituiscono la base delle reti alimentari marine.

I cambiamenti nella crescita e nella riproduzione delle specie, così come le alterazioni strutturali e funzionali negli ecosistemi, minacceranno la sicurezza alimentare, danneggeranno le industrie della pesca e diminuiranno la protezione naturale delle coste. Come se non bastassero i problemi della plastica e di conseguenza l'inquinamento degli oceani.

Aumenteranno anche il rischio d'inondazioni ed erosione nelle zone costiere basse, ostacolando così l'adattamento ai cambiamenti climatici, e gli sforzi di riduzione del rischio di catastrofi.

conseguenze dell'acidificazione degli oceani
Conseguenze dell'acidificazione degli oceani: erosione delle coste, difficoltà di sussistenza delle specie marine e di conseguenza del settore della pesca

È probabile che l' aumento delle temperature oceaniche abbia effetti diretti sulla fisiologia degli organismi marini e influenzi la distribuzione geografica delle specie. 

Alcune specie come i coralli che formano la barriera corallina, che già vivono in condizioni sempre più avverse per le loro caratteristiche fisiologiche, a causa dell'inquinamento degli oceani, avranno maggiori difficoltà a "spostarsi" abbastanza velocemente verso nuove aree. 

I drastici cambiamenti della temperatura dell'oceano possono anche portare allo sbiancamento dei coralli.

Cosa succede in questi casi? I coralli espellono le alghe simbiotiche che vivono nei loro tessuti, responsabili anche della loro colorazione, e questa azione li rende completamente bianchi. 

In questo modo, il ruolo delle barriere coralline nella protezione delle comunità costiere dalle onde delle tempeste e dall'erosione e nel sostenere l'economia (con pesca e turismo) delle comunità locali e delle imprese commerciali è messo a repentaglio. 

Il potenziale recupero di tali eventi di sbiancamento è ostacolato dal calo della calcificazione sulle barriere coralline causato dall'acidificazione degli oceani.

acidificazione degli oceani: sbiancamento barriera corallina anche da inquinamento degli oceani
Conseguenze dell'acidificazione degli oceani: sbiancamento della barriera corallina e minore protezione dalle tempeste

Cosa si può fare?

I lunghi ritardi insiti nel ciclo del carbonio marino comportano un'ulteriore penalità per il ritardo dei limiti alle emissioni di CO2. Sarebbe auspicabile un'azione tempestiva se si vogliono evitare i peggiori danni associati all'acidificazione anche conseguente all'inquinamento degli oceani.

Mentre il cambiamento climatico è la conseguenza di una serie di emissioni di gas serra (GHG), l'acidificazione degli oceani è principalmente causata dall'aumento delle concentrazioni di CO2 atmosferica disciolta in acqua di mare. 

Diventa evidente, tuttavia, che l'obiettivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) di raggiungere la "stabilizzazione delle concentrazioni di gas serra nell'atmosfera a un livello tale da prevenire pericolose interferenze antropogeniche con il sistema climatico" non può essere sintetizzato in un unico indicatore climatico.

Gli attuali obiettivi in materia di emissioni devono essere rafforzati in modo significativo se si vuole effettivamente affrontare la questione dell'acidificazione, del riscaldamento e dell'inquinamento degli oceani.

cosa fare contro l'acidificazione e l'inquinamento degli coeani
Cosa si può fare contro l'acidificazione degli oceani? Ridurre le emissioni di CO2 in primo luogo.

Limitare l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C, piuttosto che a un livello inferiore, danneggerà in modo significativo la vita oceanica da cui tutti dipendiamo in una forma o nell'altra. 

Gli scienziati suggeriscono addirittura che un oceano sano necessiti di una concentrazione di carbonio nell'atmosfera nettamente inferiore a 400 ppm. Questo benchmark è stato recentemente superato.

Altre iniziative come l'Ocean Acidification International Reference User Group (OAiRUG), composto da scienziati e varie parti interessate, devono essere coinvolte come mezzo chiave per trasmettere risultati scientifici. 

L'OAiRUG esamina in dettaglio i dati, le analisi e i prodotti più utili per manager, consulenti, responsabili delle decisioni e politici e garantisce un formato e percorsi di distribuzione appropriati.

Sono necessari una gestione sostenibile, la conservazione e il ripristino dell'oceano. 

In sostanza occorre anche una riduzione dell'inquinamento degli oceani. Al IUCN World Conservation Congress 2016, i membri IUCN hanno approvato una risoluzione che chiede la protezione del 30% degli oceani del pianeta entro il 2030.

Non hai l'impressione anche tu che il 30% sia poco e che pure l'oceano guardi le nostre scelte quotidiane?

gli oceani ci guardano
Gli oceani guardano le nostre azioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

magnifiercrosschevron-downtext-align-left
Carrello della spesa
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram